Mostra grafica "C'era una volta Pescara"

Nell’ambito delle celebrazioni per il 90° Anniversario della nascita della Provincia di Pescara (1927>2017) la Fondazione Pescarabruzzo ha organizzato una mostra di incisioni ad acquaforte del M° Mimmo Sarchiapone intitolata: “C’era una volta Pescara”. Le 41 Acqueforti sono altrettante visioni d’artista sulla città di Pescara ripresa negli scorci più significativi di inizio ‘900. Basata su una serie di immagini fotografiche scattate da Pasquale De Antonis, le preziose incisioni mostrano una città che stava cambiando profondamente. Una città di circa quarantamila abitanti che dall’unificazione dei due piccoli centri di Castellamare Adriatico e Pescara, alle foci del fiume omonimo, ambiziosamente si erigeva, nel 1927, a capoluogo di provincia. A favore del provvedimento risultarono decisive l'autorità politica del ministro abruzzese Giacomo Acerbo e il prestigio di Gabriele D'Annunzio. La Mostra “C’era una volta Pescara” ripropone gli spazi urbani di allora riportando il visitatore alla distribuzione topografica delle strade e dei monumenti di un tempo, facendolo rituffare nei volumi architettonici e mostrando gli elementi dell’arredo che in gran parte sono andati perduti: come il ponte di barche, le botteghe di Corso Manthonè, l’arco di Porta Nuova, la vecchia stazione ferroviaria, le Ville, il Kursaal. Lentamente, ad essi si sarebbero sostituite le monumentali costruzioni razionaliste attorno alle quali sarebbe cresciuta la vita dinamica e palpitante del neonato capoluogo.
La serie di acqueforti sono state riprodotte minuziosamente dall’artista mediante incisioni nel metallo, tracciando linea dopo linea i contorni delle antiche foto, illuminando la penombra, ricostruendo particolari sgranati, aggiungendo nuvole e vento nei cieli limpidi e tersi. “C’era una volta Pescara” è una testimonianza iconografica del nostro passato, interpretata con una tecnica artistica prestigiosa ed antica.
Sono stati inoltre esposti in Mostra 16 Disegni a matita che ritraggono i Comuni più importanti della Provincia di Pescara in un corollario imprescindibile che unisce la pianura ai suoi declivi collinari (Tocco da Casauria, Popoli, San Valentino in Abruzzo citeriore, Picciano, Bussi sul Tirino, Roccamorice, Torre De Passeri, Farindola, Elice, Loreto Aprutino, Montesilvano, Penne e Carpineto della Nora).
 
 
Visita la photogallery completa